Il Silicio

20/04/2016 10:55:43
  • Integratori
IN

Volendo rinforzare i capelli, in vista dell’avvicinarsi dell’autunno, la stagione della perdita per antonomasia, ho deciso di verificare se ci fossero integratori di Silicio in grado di aiutare a prevenirne la caduta. Introduco velocemente le principali proprietà di questo semimetallo , che è secondo solo all’ossigeno come elemento presente sulla crosta terrestre. Nell’uomo è presente in forma di Silice, un composto naturale costituito di silicio e ossigeno SiO2 , un componente essenziale di tutte le cellule del tessuto connettivo di ossa muscoli, aorta, tendini, milza, pancreas, fegato, tiroide, reni e cuore. Nella sua forma organica nell’essere umano inizia a diminuire a partire dai dieci anni. Non esistono effetti collaterali derivanti da un’assunzione equilibrata di Silicio, che è bene assumere in modo corretto e dopo aver ascoltato il parere del proprio medico curante. Al contrario invece l’inalazione di grandi quantitativi di polvere di silicati può favorire la silicosi, malattia tipica dei minatori che si esponevano alle fibre di silicio date dalla rottura delle pietre che favoriscono una formazione eccessiva di collagene nei polmoni. Il silicio è molto utile in caso di decalcificazione, osteoporosi e demineralizzazione poiché stimola il metabolismo del calcio, fortifica i tessuti connettivi e le ossa e favorisce la formazione del collagene. Stimola inoltre il sistema immunitario e protegge dagli effetti tossici dell’alluminio. Migliora l’elasticità dei vasi sanguigni, previene l’invecchiamento cellulare e contrasta la perdita di concentrazione e di memoria. La sua assimilazione è coadiuvata dalla presenza di potassio magnesio boro ed acido ascorbico. Il Silicio è famoso per le sue proprietà rigeneranti ed è altamente assimilabile dall’organismo umano, ha un ruolo fondamentale nella ricostruzione delle fibre di elastina e di collagene ed accelera il processo di cicatrizzazione, risulta essere efficace nelle bruciature e nelle irritazioni da contatto. Mantiene capelli, unghie e pelle sani e migliora la microcircolazione del cuoio capelluto prevenendone in tal modo la caduta ed accelerandone la ricrescita. Proprio per questa sua ultima peculiarità ho deciso di ricorre ad una integrazione per aiutare a rafforzare i capelli e posso confermare la sua utilità. Nello specifico ho utilizzato SILICIUM G5 SILIPLANT il quale non contiene conservanti chimici, Ingredienti: Acqua purificata, acido silicico, estratto di Equiseto*, rosmarino* (*da agricoltura biologica). Il mio voto a questo integratore è un 8. Il silicio è presente nella buccia dei frutti, nei cereali integrali, nel pane e nel riso integrali, nell’aglio, nella cipolla, nello scalogno, nel cavolfiore, nella fragola, nei piselli freschi nella soia nel peperoncino e nelle mele, ottimi quantitativi anche nelle verdure a foglia verde e nelle bietole. L’equiseto è particolarmente ricco in silice ed ha effetti positivi per le arterie, la pelle, i capelli. L’integrazione può essere utile perché l’alimentazione moderna a base di cereali raffinati, zucchero raffinato, frutta e legumi consumati senza buccia, ne è povera, inoltre la quantità totale di silicio si riduce progressivamente con l’età. Nell’uomo lo stock di silicio è di circa 7 grammi e la sua concentrazione varia in funzione del tessuto di appartenenza, Il fabbisogno giornaliero di silicio è calcolato indicativamente tra i 20 e i 50 mg. Naturalmente prima di assumere qualsiasi integratore alimentare bisognerebbe sentire il parere di un esperto, per evitare che si possano manifestare spiacevoli reazioni avverse od interazioni con altre sostanze che si stanno assumendo. Le donne in gravidanza o in allattamento e le persone con problematiche mediche riconosciute dovrebbero consultare il proprio medico prima di aggiungere qualsiasi integratore alimentare alla propria dieta.


Resta informato!

Mai lottare contro, sempre agire per… Suggerire lo stile di vita più consono alla singola persona, a partire da un regime alimentare più sano ed equilibrato. Aiutare le persone a cambiare le abitudini sbagliate, portandole a impegnarsi per la salvaguardia del proprio benessere. Aiutare le persone a vivere meglio, alleviando i carichi fisici ed emotivi che si accumulano nella società contemporanea, sempre meno a misura d’uomo. Prendersi la responsabilità della propria salute.
Ci tengo a precisare che non sono un medico e non mi occupo di curare le malattie.